Consigli librici come microracconti: Seduto a schiacciare noci per uno scoiattolo, J.K.Jerome

Quando aveva ricevuto la sua telefonata, i muri avevano dondolato come a schiacchiarla. Lei allora aveva soffiato un respiro forte per sollevarli, quasi fossero panni appesi al vento. Perché non le comprimessero il petto. Solo dopo aveva detto qualcosa. “Sì, arrivo. Vengo stasera, cioè.” Era mattina: aveva pensato che contare le ore avrebbe potuto far […]

[Cartoline dal quotidiano] Henry Miller

18.57, 16 marzo 2013 Il palo piatto, rovinato, butterato, che segnala la fermata dell’autobus. Percorso da scritte in pennarello rosso, nero, blu. Indelebili. Numeri di telefono che sottintendono prestazioni sessuali. Insulti. La pubblicità di un concerto fissata con lo scotch. E, quasi nascosto, un adesivo grigio che si mimetizza col metallo, base per una scritta […]

[Cartoline dal quotidiano] La doccia

07.05, 15 marzo 2013 Certe successioni di rumori sono talmente note che rappresentano il tema di una melodia conosciuta. Il tintinnio dello spazzolino nel bicchiere di porcellana; sciacquone; l’acqua nel lavabo. Mentre in cucina, sbatacchiare di stoviglie; il gorgogliare della moka. Uno sciabattare affrettato, a due porte di distanza. E poi, ancora in bagno, lo […]

[Cartoline dal quotidiano] Compositore

h 14.27, 13 marzo 2013 Ha scelto il tavolino nell’angolo più nascosto di tutto il locale. Il volto chino. L’espressione mesta. Vorrei essere invisibile, pare desiderare. Tanto che entrando non ci si accorge subito di lui. È la voce del ristoratore a richiamare l’attenzione sulla sua schiena incurvata e sulle pieghe della sua fronte: “Allora, […]

Pseudoracconto in telefono-forma

Si prega di lasciare un messaggio h 07.05 – Risponde la segreteria telefonica di Leonardo, si prega di lasciare un messaggio dopo il bip. Biip “Leo, tesoro? Sono la mamma… perché non rispondi?” h 07.20 – Risponde la segreteria telefonica di Leonardo, si prega di lasciare un messaggio dopo il bip. Biip “Leo? Mmm, ho […]

Ombra di ciglia stanche [bozze//poesia//amore]

  L’ombra delle ciglia stanche la svogliatezza delle labbra morbide, dischiuse in sillabe annoiate la lingua asciutta di baci mancati – avrebbe dovuto capire, lei, che lui non l’amava più. Attese, stupefatta, di sentirlo dalla sua voce mentre pensava a quando lui diceva che mai l’avrebbe ferita. Lo ascoltò sull’argine del fiume dove tante volte […]

Nostra

  E’ iniziata a finire quando abbiamo iniziato a dire le stesse cose e cose diverse ed eravamo troppo spaventati per puntare il dito sulle differenze. “Torniamo a casa.” “Vengo a casa tua.” “Ho invitato la nostra famiglia.” “Viene anche la tua famiglia?” Io a volte balbettavo, cosicché nostra risultava un farfuglio seppellito sotto casa […]

Schiuma del risveglio [poesia//bozze//vita//caffè//quotidianità]

Schiuma del risveglio Sette e trentacinque – suona la sveglia – fastidiosa insistente acuta senza cura per il conforto del sonno. Sette e trentacinque – di nuovo sono profumi neutri (sapone) camicie bianche borse nere abiti scuri intrecci di città in stoffa e asfalto. Ordinaria indifferenza. Giorni nuovi, ma è tra le pieghe dei sogni […]

Palla lucida [poesiola//scrivere//viaggio]

Palla lucida   Sono nato tra le onde di un libro sui pirati. Ho cercato il mondo nella superficie lucida di una palla tonda, per un aeroplanino di carta ho soffiato il mio desiderio di libertà. Sono vissuto negli infiniti sguardi di una mongolfiera innalzata. Nell’occhio immobile di un treno che sfreccia è dipinto il […]