Gli ultimi film che ho visto

Volevo fare il post coi film visti a luglio, ma c’ho lì Venuto al mondo che spero di riuscire a vedere nei prossimi giorni e so già che poi non farei in tempo a parlarnervene perché (yuppiiiii) sarò poi in partenza (cioè, manca più di una settimana a questa cosa del “carica la macchina e fuggi”, ma è bello sentirsi già per metà con le valigie in mano. E magari un dizionario, dato che ho guglato “valigie” per esser certa dell’ortografia. Vergogna!).

1) Cena tra amici

21421

Ci capitiamo per caso: e vediamo che inizia con musichetta e scenette alla Il favoloso mondo di Amélie, è francese, è ambientato in un unico ambiente e sera – molto teatrale. Eravamo indecisi con un film americano un po’ tamarro, ma infine vediamo questo perché volevamo aprire il pastis e invece col tamarro ci andava la birra. Per più di metà film sono stata l’unica sveglia, poi si sono ripresi tutti perché ha iniziato a essere un po’ una tamarrata americana.

2) Titanic

Lo so, lo so. A mia discolpa non lo vedevo da quando avevo dieci anni. All’epoca ero allergica alle robe amorose e facevo sempre e comunque le facce schifate, quindi mi sono detta che forse non sarebbe stato tanto tremendo. Dai, al massimo melodrammatico. Ho scoperto invece che la storia d’amore non è (solo) da glicemia, è semplicemente una stronzata colossale.
Per fortuna poi la nave ha iniziato a imbarcare acqua, le scene in cui muoiono tutti sono bellissime.

3) Woody Allen: Match Point e To Rome With Love

match

torome

Una sola domanda: ma sono stati scritti stessa persona?

4) Cortesie per gli ospiti

5375791-cover

Sì, come il libro. Quello che tipo non ti fa dormire per anni e lo leggi col fiato sospeso.
Tranquilli, se l’avete letto e vi trovate in queste condizioni, han pensato a voi: il film l’han fatto per farvi ricominciare a dormire.

Advertisements

21 pensieri su “Gli ultimi film che ho visto

      • Posso chiederti cosa non ti è piaciuto?
        Perché la cosa che a me ha dato fastidio, all’epoca, è che tutti stessero a criticare la sua visione di Italia, che è il solito preconcetto ecc. ecc.
        Lui, giustamente disse che lui filmava l’Italia che vedeva lui, che ovviamente non vive qui e mica poteva fare altro.
        Poi, ti do ragione, non è il migliore di Allen eh, sia chiaro. Ma tra gli ultimi l’ho trovato migliore, per esempio, di “Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni”.
        Anche se dell’ultimo periodo, degli ultimi 3/4 film, il mio preferito resta Midnight in Paris. Dalì che dice Rinoceonte! mi fa scompisciare! 😄

        • Francamente non m’ha dato affatto fastidio la visione dell’Italia 🙂 (e adoro Midnight in Paris), anzi, è pure piuttosto realistica negli occhi di un americano, e tipica.
          Il fatto è che sembra il minestrone che fa mia mamma a fine settimana, con quello che trova nel frigo. O quelle raccolte di racconti di autori famosi con cose che non c’azzeccano le une con le altre e che sembran recuperate dal fondo del cassetto delle mutande.
          Ecco, sembra un po’ così: c’ha infilato storielle e storiette che alla fine non dicono niente e paiono “di recupero” 🙂

  1. Allora ti salvo! 😉
    Sulle storielle ti do ragione, nel senso che potrebbero essere pure degli scarti di altre storie. Anche perché mi apre sia stata proprio la Medusa a chiedergli di girare un film a Roma, quindi…

    ripeto, non è il suo film migliore, ma neanche il peggiore. 🙂 Però se è per quello che no ti è piaciuto, capisco, e spezzo meno lance! 🙂

  2. Ho visto Cena tra amici in t.v ! E’ del teatro boulevardier filmato. Un genere che funziona raramente al cinema : i personaggi sono caricaturali fino al ridicolo, le situazioni sono previdibili tranne per gli attori ovviamente. la sceneggiatura è banalissima : l’ennesimo qui pro quo che sfocia sullo stesso regolamento di conti in famiglia visto 1 miliardo di volte. Solo l’attore che interpreta l’amico della famiglia, quello che gli altri prendono per un gay, è interessante !

    • Immaginavo tu l’avessi visto! (invece m’è piaciuto molto, ultimamente, Piccole bugie tra amici, sempre francese. Tra l’altro è girato in parte in luoghi che tu ci hai mostrato, o sbaglio?)
      Sì, solo lui si salva, ma per il resto veramente esasperato ed esasperante… Ne faranno una versione italiana prossimamente.

  3. Match Point lo adoro.
    To Rome with love ne ho visti pezzetti in questi giorni visto che i miei lo guardavano…mah..dovrei mettermi lì a guardarlo per giudicarlo per bene, ma viste le forti critiche non mi vien proprio voglia..

    • Guarda, lo stereotipo glielo concedo pure… anche perché in genere lui descrive americani in visita, e quindi i loro occhi sono quelli del turista che osserva e cerca stereotipi… E’ proprio tutto il resto che MAH!

  4. Pensavo che fossi una persona seria, ma poi scopro che guardi volontariamente i film di Woody Allen! 😛 Scherzi a parte, visto che possiedi questa grande forza di volontà, ed anche di un umorismo decente, cosa ormai rara, perchè non recensisci qualche classico film russo?

    • ODDIO, hai davvero pensato che fossi una persona seria?

      Comunque sto organizzando una ripresa stile Fantozzi della Corazzata Potemkin, se vuoi partecipare c’è posto per l’occhio della madre o il bambino nella carrozzina!

      • Mai pensato che fossi una persona seria: sfottevo!

        Sono troppo allegro per l’occhio della madre e troppo grande per il bambino nella carrozzina. Al massimo posso fare l’impiegato delle poste incazzato della famosa scena della carrozzina di “Una pallottola spuntata”…

  5. “Match Point” è uno dei film più belli che abbia visto, direi che per i miei gusti è quasi perfetto, quasi perchè come protagonista maschile al posto di quel labbrone ci avrei visto bene Jude Law, anche se diciamo che lo metterei in qualsiasi film. “To Rome with love” invece non sono neanche riuscita a finirlo, avevo grandi aspettative per la parte con Benigni, che delusione! E poi molto lentamente i miei neuroni hanno collegato un episodio con il film “Lo sciecco bianco” di Fellini anche se deduco che fosse voluto. In compenso la scorsa settimana mi sono vista “Sogni e delitti”, un po’ lento, ma il finale come “Match point” è un pugno nello stomaco!

    • Jude Law ce lo vedo TANTISSIMO! Comunque anche a me è piaciuto moltissimo, l’ho trovato molto reale sull’animo umano, ne parlavo giusto l’altro giorno con mia sorella.

      Guarda, le citazioni in To Rome with love si sprecano, letteralmente :/ Sogni e delitti m’era piaciuto tanto, forse anche più di Match Point 🙂 sempre film allegrissimo, sì…

Dimmene quattro! (o quante ne vuoi)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...