Arredamento librico veneziano – ontheroad #1

A Venezia puoi: camminare sulla cultura senza farle un torto. Puoi anche affogare tra i libri, perché l’unica barca nella libreria è colmastracolma di libri. Altro che Rose salvata dal naufragio del Titanic mentre Jack schiattava. Alla frontiera slovena puoi: scoprire che il tuo ragazzo ha dimenticato la carta d’identità a casa. Che succede in […]

Pagine strappate da: La linea della bellezza,

Per un attimo, nella cupa prospettiva di quel corridoio che era esclusivo territorio maschile, provò una solitudine che lo lasciò sconcertato: la sensazione, prossima al panico, di non avere niente in comune con quella casa e quelle persone.  […] rimase un secondo piantato sulla soglia dellastanza illuminata dalle lampade sentendosi ciò che in effetti era, […]

QuiSiParte (e varie)

Niente, porcapuzzola, una cosa tira l’altra (impegni in casa, fuori casa, muratori giorno e notte nell’appartamento, cane malatino… – soprattutto l’ultima, la più impegnativa!) e io non ho mica fatto in tempo a pubblicare i post sulle mie ultime letture. Tutte cose particolari, tra l’altro. In compenso su Inchiostro Bianco trovate un mio post sul […]

Passeggiate, di Jean-Jacques Rousseau [Libri sotto il ferro da stiro #6]

L’altro giorno stavo pensando una cosa. Che si presume che le letture più adatte ai periodi soffocanti di impegni siano quelle scivolose come acqua saponata, leggere come un respiro. Ossia libri usa-e-getta tutta trama e poca riflessione. Di certo spesso è così. Le peggiori tamarrate e commercialate le ho lette in periodi allucinanti, cercando di […]

Ferragosto in giallo, AA.VV.: pesante come la calura

Leggere una raccolta di racconti di autori vari comporta due fatti: il primo è che se la raccolta è orrenda la colpa è di tutti e di nessuno, e nel “mal comune mezzo guadio” bene o male non ce l’hai con nessun autore; il secondo è che se un racconto non ti convince non demordi, […]

Che faccia ha uno che non legge ebook

L’altro giorno la mia parrucchiera mi raccontava di come due suoi clienti fossero coinvolti in una diatriba riguardante una baruffa tra i loro cani (in realtà una faccendina che continua da mesi ad animare il quartiere, quasi quanto gli avanzamenti nel cantiere del supermercato, in stallo da tre anni) e a lei toccasse sorbirsi le […]

Gli ultimi film che ho visto

Volevo fare il post coi film visti a luglio, ma c’ho lì Venuto al mondo che spero di riuscire a vedere nei prossimi giorni e so già che poi non farei in tempo a parlarnervene perché (yuppiiiii) sarò poi in partenza (cioè, manca più di una settimana a questa cosa del “carica la macchina e […]

L’intensità della grazia: Il weekend, di Peter Cameron

Quando si consiglia un libro di un autore che si ama molto, ci si sente in dovere di iniziare una sorta di panegirico su quell’autore, una sorta di “dovuta” apologia. Una predicazione porta-a-porta. Almeno è così che succede a me, ed è anche il motivo per cui sono spesso reticente nello scrivere degli autori che […]

Silenzio si legge?

C’è questo cartellino su una delle mie librerie, e anche in altri tre punti della casa. Che poi, non è nemmeno vero. (Però il cartellino è fighissimo e di ciò ringrazio pordenonelegge.it) Molte persone hanno bisogno di silenzio per leggere, e magari voi siete tra queste. Io no, leggerei anche in un ipermercato nell’ora di […]

Ai piani bassi, di Margaret Powell. Cosa è, e cosa non è!

La prima cosa che vi dico è cosa non è Ai piani bassi di Margaret Powell. Certi studiosi affermano che la gente degli articoli legge in genere solo l’inizio, poi li abbandoni o corra alla fine: mettete che io scriva subito che Ai piani bassi m’è piaciuto e magari voi chiudete il post, lo comprate, […]