Pagine strappate: da Il metodo della bomba atomica, di Noemi Cuffia

10

Sotto il getto di acqua tiepida, sullo schermo nero della conca delle palpebre chiuse, erano infine apparsi i vasi nuovi. Un’idea che le aveva suggerito Leone: quando hai paura, pensa ai fiori. La Rosa Canina, che si preparava a sbocciare; l’Edera Comune con i contorni simili a piccolissimi sentieri di neve fresca; la Sansevieria, detta Lingua di suocera, con le foglie grandi in un verde quasi giallo; il Ficus Benjamina che sorrideva in un vasetto quasi invisibile, foderato di iuta, e le Violette del pensiero che sbocciano nel primo giorno tiepido dell’anno, proprio come un pensiero felice.

[da Il metodo della bomba atomica, di Noemi Cuffia]

Annunci

6 pensieri su “Pagine strappate: da Il metodo della bomba atomica, di Noemi Cuffia

  1. Pingback: Colmare un bisogno di parole: Il metodo della bomba atomica, di Noemi Cuffia | lepaginestrappate

Dimmene quattro! (o quante ne vuoi)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...