Un romanzo bellissimo: La casa rossa, Mark Haddon

lacasarossa

Ho letto un romanzo bellissimo.

No. Un attimo.

Facciamo un passo indietro…

… ci sono romanzi che mi piacciono un sacco: di solito però può essere perché, in particolare, mi piace come sono scritti. (Esempio: Un segno invisibile e mio, di Aimee Bender) O perché in particolare mi piace cosa scrivono. (Esempio: Stoner, di John Williams. O Ritratto di famiglia con superpoteri, l’ultima volta che ho dato 5 stellette a un romanzo su goodreads, prima di questo).

Questo fa BINGO!, perché mi piace da morire per entrambe le ragioni, cosa piuttosto rara. Quindi, torniamo un passo avanti:

ho letto un romanzo bellissimo scritto benissimo. Giusto per rendere chiaro il concetto.

Si intitola La casa rossa (che è un titolo,al contrario del libro, decisamente anonimo, che mi scivola addosso) ed è di Mark Haddon, ai più conosciuto per Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte. Ed è uno di quei romanzi che parlano tantissimo di persone, che creano individui letterari incredibilmente vivi e li spogliano, denudando pensieri, segreti, confessioni, debolezze. A volte in modo commovente – sì, ti abbraccio personaggio, non sei solo -, il mondo ingenuo e colorato di un bambino solitario con una fantasia fervidissima;  a volte con un’assenza di pudore quasi imbarazzante – quasi si fosse a fissare qualcuno mentre fa una scoreggia -, i pensieri sulla bruttezza del proprio compagno, la scoperta egoistica e famelica del sesso da parte di un adolescente.

Che sono tutte cose reali, chi non le ha provate? O potrebbe provarle.

I personaggi sono otto – quattro adulti, tre adolescenti, un bambino – come i giorni che scandiscono la storia. Una storia che è tutta inglese: una casa di vacanza nel Galles accoglie per una settimana Angela e Richard, due fratelli da anni in silenzioso conflitto, e le loro famiglie: il marito e i figli di lei, la nuova moglie e la figliastra di lui. Ognuno col proprio fardello di pensieri ed errori.

Una storia inglese, per ambientazione e ritmo e placida tranquillità di narrazione, ma le umanità sono universali; ma potrebbe essere italiana, questa storia: ci sarebbe solo più chiasso e sole, più litigi dirette, meno pioggia e reazioni composte.

Leggevo e pensavo che da un po’, per fortuna, mi sono evitati raduni famigliari di questo tipo. Ma ne ricordo ogni briciola di disagio e atona recriminazione. Si avvicina la Pasqua, coi suoi pranzi in grande, e ringrazio la tranquillità del mio nucleo famigliare.

Comunque. Dicevo. Una cosa bella è che la storia non è raccontata da uno. Ma da tutti i personaggi. Di solito preferisco le narrazioni a uno, perché mi dà l’idea che stando “dentro la testa” di un solo personaggio ci siano molte cose, negli altri, che restano incomprensibili o difficili da sbrogliare. Rimane qualcosa in sospeso, insomma: ed è così, nella vita, non capisci mai a fondo tutto quando altre persone sono coinvolte.

Invece questo è un romanzo corale, un corale pienamente espresso, e questa cosa mi è piaciuta un sacco, perché i punti di vista sono frammenti, sono cambi veloci, sono sguardi di uno, poi dell’altro. Sono tocchi di paesaggio intimo. In alcuni momenti, parole più spesso che intere frasi.

Parola punto parola punto parola. Fotografie di piccoli istanti, un album delle vacanze. E fatto così, questo flusso di coscienza è coinvolgente, perché è poetico e intimo senza mai essere pesante ed è descrittivo in modo labile, acquerellato. Si intervallano persino stralci dei romanzi che i personaggi leggono, che hanno con sé per le vacanze.

Frammenti di qualcosa di spezzato che aspetti si ricostruisca, e alla fine chissà, lo farà? O rimane tutto – i problemi, i pensieri – uguale a se stesso?

Un se stesso labile, fragile, soggettivo. In cui ogni lettore vede qualcosa di diverso, anche in ciò che non è scritto.

Ma… ve l’ho detto che ho letto un romanzo bellissimo?


La casa rossa
Haddon Mark
2012
Supercoralli
pp. 288
€ 19,50
ISBN 978880621184
Advertisements

14 pensieri su “Un romanzo bellissimo: La casa rossa, Mark Haddon

  1. Mi fiderò di te perché io, all’epoca dell’uscita, avevo letto Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte che mi era piaciuto molto all’inizio ma alla fine mi aveva stancato. Ecco, ne ho un’opinione incerta. Darò a Haddon una seconda chance!

  2. A me era già piaciuto Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte, quindi immagino possa piacermi anche questo, ma mi tocca aspettare l’edizione tascabile, “non amo” (litote) le copertine rigide con sovracoperta 🙂

      • “Una cosa da nulla” a me è piaciuto molto più dello strano caso. te lo consiglio veramente tanto! e complimenti per il blog!! anche a me piace moltissimo leggere, oggi mi è arrivato “la casa rossa” dalla biblioteca e stavo facendo un due ricerche su internet per vedere che recensioni giravano in rete

  3. Mmmmm!! 🙂 Io mi lascio sempre ispirare dai libri che piacciono tanto tanto: lo metto nella lista dei libri per il Salone del Libro!! Che si allunga pericolosamente ogni giorno di più! 🙂

    • Se hai qualche sconto in librerie forseforse ti conviene lì! Ho notato che le maggiori case editrici non scontano manco un centesimo al Salone del libro <.<
      Se lo leggerai spero ti piacerà 😀

    • Pure io! Ne avevo letto poco, a dire il vero, credo fosse uscito insieme a vari altri meritevoli e forse era rimasto un po’ oscurato, ma era nella mia wishlist “L’erba voglio” da mesi 🙂

      A me sono piaciuti tanto il bambino e Alex, come personaggi. Ma penso che l’approccio possa essere molto personale, e, al di là del maggior o minor gradimento, che sia una lettura meritevole 🙂 Buona lettura!

  4. Ho lette le prime 40 pagine e mi sembra un romanzo per lettori forti … il continuo cambio di vista non rende agevole la lettura, anche se le descrizioni dei pensieri, degli stati d’animo sono davvero magistrali. Non ho niente da aggiungere alla tua recensione, hai detto tutto benissimo. Solo, lo sconsiglio a chi cerca romanzi scorrevoli perché questo non lo è affatto! Ogni libro impone al lettore un ritmo e su questo c’è abbastanza da faticare. Però è bello, è strano.

    • Hai ragione, è una lettura che richiede attenzione, piuttosto complessa. Anche se andando avanti ho avuto sempre meno difficoltà, sia perché mi sono abituata (all’inizio ero un attimo disorientata nei cambi di punti di vista) sia perché si sviluppava di più una trama.

      Bello e strano, sì. Sono felice che ti stia piacendo 🙂

  5. Pingback: Sul potere delle parole: Paradiso e inferno, di Stefànsson | lepaginestrappate

Dimmene quattro! (o quante ne vuoi)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...