Momenti di trascurabile felicità, di Francesco Piccolo – e un po’ di chiunque legga

libroNon ci sarebbe bisogno di una quarta di copertina-riassunto-trama. Momenti di trascurabile felicità. Chiaro, no?
Quei momenti di felicità piccole, di felicità che non dovrebbero essere felicità, di pensieri belli in un giorno bello e belli in un giorno brutto. Le cosine piccine. Quelle nella scatola dei ricordi che sembrano non avere senso ma sono lì, tutte insieme e un senso ti sembra che ce l’abbiano, ogni volta che li guardi.

Ecco, i pensierini delle 140pagineeunpo‘ di Francesco Piccolo sono così. Pensierini. Quotidiani. Irriverenti. Alcuni fanno sorridere, altri sono pure un po’ imbarazzanti.

Ad esempio quando parla di sbirciare nei bagni delle persone, la prima volta che va a casa loro. E quindi mi immagino Francesco Piccolo che va a casa di Qualcuno e Qualcuno ha letto il suo libro.

F.P.: “Possono andare in bagno?”
Q: “… Uhm.”
F.P.: “Il bagno, io, beh, devo andarci.”

E Qualcuno glielo indica a malincuore e quasi si alza, vorrebbe accompagnarlo, e poi fa una rassegna mentale di cosa è in disordine e se quando ha infilato tutto alla rinfusa in un cassetto perché sembrasse tutto in ordine che diamine ci ha infilato in quel cassetto, perdiana?! E se F.P. apre quell’antina e vede… che penserà?!

Ecco. Tipo.

Il fatto è che Momenti di trascurabile felicità non è fantasmagorico. A dirla tutta, potrebbe essere “trascurabile”. Però a me Francesco Piccolo piace molto, quindi l’ho letto.

Sono momentini e puoi leggerli come me in un’oretta di sole che fa sembrare sia arrivata la primavera oppure tenerlo sul comodino o accanto al divano da leggere due a due, come i cioccolatini (vabbe’, quelli anche quattro a quattro), e non potresti nemmeno dire “Sì, sto leggendo un libro, Momenti di trascurabile felicità“, perché insomma, non ha una trama, non è un romanzo, è come un bloc-notes di pensieri che hai rubato a qualcuno.

Alcuni sono divertenti. Altri sono insipidi. Qualche momento è banale. In molti ci si può rivedere e scoprire che nemmeno le proprie idiosincrasie e manie erano poi così originali. Alcuni sono noiosi. Altri fanno pensare. Qualcuno commuove. Molti li ho sottolineati. Altrettanti li ho annotati.

Non è un libro perfetto, però mi ha resa di buon umore e giocosa, e quindi mi sentirei un po’ traditrice a criticarlo. Come quando esci con qualcuno e passi una bella serata e poi magari ti dici: “Sì, vabbe’, non è che abbiamo detto chissà che…” o ti rendi conto che quella sera eri stranamente euforica o di buon umore e ti sei divertita ma la persona con chi eri a volte non la sopporti, in realtà. Però ti sei divertita, mica si può cancellarlo, quello.

Poi ti fa pensare ai momentini personali di trascurabili felicità. E’ una cosa carina, questa, che fa. Un po’ cattivi, a volte, personali o insensati.

E allora ci penso, ai MIEI momenti di trascurabile felicità.

Come

chiedere a un uomo di comprarti gli assorbenti solo perché è adulto e non può fare quellafaccialì, lo sfidi a farla, ma la fa lo stesso almeno un po’ e ti chiede tanti dettagli su come, dove, quali, quanti che sembra che acquistare un pacco di assorbenti sia paragonabile all’organizzazione della scalata dell’Himalaya

tenere la pipì anche se scappa un sacco, solo per non distrarsi da quella cosa che stai facendo e che ti piace

iniziare una discussione e accorgersi subito di avere torto ma voler avere ragione e infine averla

mangiare un cioccolatino dalla “ciotola bella coi cioccolatini belli” anche se è vietato, e sistemarli per bene perché nessuno se ne accorga

fare il caffè lungo per sorseggiarlo

trattenersi dal mettere il punto alla fine per far capire che è finito ma non finito davvero, che potresti scrivere altro, magari lo farai
Video:

Francesco Piccolo legge brani da Momenti di trascurabile felicità a TEDxReggioEmilia

Momenti di trascurabile felicità
Francesco Piccolo
2012
Super ET
pp. 136
€ 8,00
ISBN 978880621139
Annunci

9 pensieri su “Momenti di trascurabile felicità, di Francesco Piccolo – e un po’ di chiunque legga

  1. Anche a me piace leggere Francesco Piccolo (sul corriere o su il post) che trovo scrittore simpatico e arguto. Ma questo libro non m’ispira nenahc eun po’. Una decina di anni fa o forse quindici era diventato un best seller “La prima sorsata di birra” – che magari avrai anche in casa – che sull’argomento, cioè i piccoli piaceri, è anche meglio.

    • Mi piace molto come sceneggiatore, anche 🙂 lo considero un po’ una garanzia!
      Tu comunque passi di qui e mi consigli sempre gioiellini, sappi che mi segno sempre tutto. La prima sorsata di birra non lo conosco – 15 anni fa non potevo ancora bere alcolici 😛 – dalla descrizione letta mi sembra un po’ una serenità delle piccole cose.
      Qui in realtà è su piccoli piacere nello smog cittadino e senza sensi di colpa anche se dovrebbero esserci, ma che ti devo dire… a volte certe cose non ispirano a priori 😀

  2. Posso consigliarti dei gioiellini perché leggo da 30 anni e mi sarò “fumato” una biblioteca. D’altronde potrei essere tuo padre, più o meno, te li consiglio come lo farei a mia figlia se l’avessi … io sono del ’61, quindi avrò su e giù l’età del tuo papà. Però devo dire che anche tu sei un’ottima lettrice (oltre che una buona scrittrice) e anch’io passo per prendere spunti per le mie letture (Le piccole virtù e In cerca di salinger me li ha suggeriti tu). Approfitto per chiederti: ma tu studi medicina? e come mai, considerata la passione per i libri, non lettere?

    • I miei mi hanno avuta piuttosto giovani quindi sì, supppergiù ci sei :D! Mi fumo volentieri un po’ di biblioteca pure io ;D

      Diciamo che, a parte il fatto che non ho una sola passione, ci sono hobby – chiamiamoli così – che si vuole restino sempre tali e non diventino lavoro o accademici 🙂

  3. Da un punto di vista economico hai fatto benissimo, coi libri non si mangia, né scrivendoli, né stampandoli, né vendendoli, né scrivendoci sopra. Invece il medico ha un buono stipendio. Vedrai nella tua carriera, però, che coi medici non si può parlare di libri perché tra loro nessuno legge la letteratura. Tu sei l’eccezione. Chiuso l’ot. In bocca al lupo.

    • Crepi il lupo 😛
      E purtroppo ho notato che nessuno legge, nel mio ambiente. Nella generazione tua ancora ancora, qualcuno sì. Nella mia il vuoto assoluto.
      E dire che tantissimo grandi scrittori erano medici.
      Buona settimana!

Dimmene quattro! (o quante ne vuoi)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...