Ambiguità anatomiche

(altrimenti dette “deformazioni professionali durante la lettura”)

Le seguenti citazioni sono tratte da “Il seggio vacante” di J.K. Rowling.

Miles e Samantha sorseggiarono il caffè, in attesa che Howard tornasse. Quando Samantha si sedette al tavolo della cucina la vestaglia si aprì, scoprendo il profilo dei grandi seni appoggiati sugli avambracci. La pressione verso l’alto li faceva apparire più pieni e lisci di quanto lo fossero quando pendevano liberi. Dalla pelle coriacea appena sopra l’incavo si irradiavano fenditure sottili che ormai non scomparivano più. Da giovane aveva fatto uso frequente del lettino solare.

seno: in senso proprio, rientranza, avvallamento; fenditura, è una spaccatura lunga e stretta; incavo una cavità.

E’ l’uso comune che rende immediato un termine improprio. E qui ci può stare. Certo, nell’anatomia, il seno è in realtà la concavità tra le due mammelle (in effetti rispettando il significato proprio di “seno” nella lingua italiana). Assunto comunemente, ormai, a significare la mammella o entrambe le mammelle. (Forse perché la parola “mammella” è tanto brutta?)
L’incavo dei seni con sopra le fenditure. A pensarci bene con tutte queste rientranze sembra si stia parlando di una specie di canyon.

//

Grattandosi la tempia sinistra per nascondersi il viso, ruotò le orbite in giù per guardarle le mani, abbandonate l’una nell’altra sulle ginocchia

HORROR!

Qui l’uso comune non salva, dal momento che non esiste. L’orbita – e non stiamo parlando di pianeti o satelliti – è la cavità parte del cranio, e quindi ossea, che contiene il bulbo oculare. Sarebbe “interessante” vedere una sua rotazione.

In ogni caso, fosse stato ruotò i globi oculari per guardarle le mani avrebbe comunque evocato un’immagine piuttosto amena, adatta a un film splatter o alla descrizione di qualche pirata che gioca con l’occhio di vetro. (Ricordo Alastor Moody a chi ha familiarità con la saga potteriana).

//

Krystal stava sempre masticando vigorosamente, con le braccia davanti alle costole come una doppia barriera

Laddove costola sarebbe propria degli animali e costa dell’uomo. Ma chiudiamo un occhio (o un’orbita?!!), perché le costolette alla griglia non ci dispiacciono mica!

Per curiosità mia e richiesta di due-tre persone, ho cercato la versione inglese di queste espressione e potuto verificare che la lingua italiana è tanto piena di sfumature quanto di ambiguità (o, a volte, inesattezze, come nel caso dell’orbita…). Sì, insomma, che la traduzione fa DECISAMENTE la differenza.
Ecco le citazioni di cui sopra in lingua originale:

Miles and Samantha sipped their coffee, waiting for Howard to come back. Samantha’s dressing gown gaped open as she sat at the kitchen table, revealing the contours of her big breasts as they rested on her forearms. Upwards pressumer made them fuller and smoother than they were when unsupported. The leathery skin of her upper cleavage radiated little cracks that no longer vanished when decompressed. She had been a great user of the sunbeds when younger.

Scratching his left temple to screen his face, he swivelled his eyeballs to glance down at her hands, clasped loosely on her lap.

Krystal was chewing vigorously, her arms making a double barrier around her ribs.

Annunci

4 pensieri su “Ambiguità anatomiche

  1. Ma questi sono errori-orrori che compaiono anche nella versione in lingua originale del romanzo, oppure sono ambiguità (pessime, sono d’accordo) che emergono solo nella traduzione?

  2. Pingback: “Il seggio vacante”, J.K.Rowling: 5 cose che non leggerete in questa non recensione. Plus una non recensione. « lepaginestrappate

Dimmene quattro! (o quante ne vuoi)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...